Home » Cercatori di Dio. Sulle tracce dellascetismo pagano, ebraico e cristiano dei primi secoli by Luigi Padovese
Cercatori di Dio. Sulle tracce dellascetismo pagano, ebraico e cristiano dei primi secoli Luigi Padovese

Cercatori di Dio. Sulle tracce dellascetismo pagano, ebraico e cristiano dei primi secoli

Luigi Padovese

Published February 2002
ISBN : 9788804490197
Hardcover
366 pages
Enter the sum

 About the Book 

Asceti pagani, profeti ebrei, santi cristiani: la lotta per il predominio sul sacro allorigine della civiltà occidentale.L`ambiente è il bacino del Mediterrano, il tempo abbraccia il I e il secondo secolo d.C., quando lelemento religioso pervadevaMoreAsceti pagani, profeti ebrei, santi cristiani: la lotta per il predominio sul sacro allorigine della civiltà occidentale.L`ambiente è il bacino del Mediterrano, il tempo abbraccia il I e il secondo secolo d.C., quando lelemento religioso pervadeva tutti gli aspetti della vita. E il periodo che vede la nascita del cristianesimo, in un rapporto dialettico con la sua origine giudaica e alle prese con un conflitto sempre più intenso con le religioni pagane. In queste pagine si è quasi condotti per mano tra i templi pagani, le sinagoghe ebraiche e le case che facevano funzione di chiese, alla ricerca di tutte quelle forme streme di santità che il periodo in esame presenta in abbondanza: leredità orfica e pitagorica, la filosofia teologica del platonismo, la ruvida spiritualità di Diogene il cinico, lasceta taumaturgo Apollonio di Tiana, i severi pensatori stoici, il fenomeno esseno, i terapeuti ebrei, lermetismo egiziano, i culti misterici, lo gnosticismo, i martiri, i primi eretici.Le domande sorgono quasi spontanee: che rapporto esiste tra lascesi cristiana e le altre spiritualità del tempo? In che misura esse hanno influenzato il cristianesimo nascente? Lincontro con la grande cultura greca ha allontanato dalla vita e dal messaggio di Gesù? Il suo concetto di povertà, di celibato, di vita comune è lo stesso delle successive generazioni cristiane? Non sono domande puramente accademiche, perchè dalle risposte dipendono le attuali valutazioni sul senso della Chiesa, il suo rapporto col mondo, il significato di salvezza, il valore della corporeità e della ricchezza, e, non da ultimo, il senso del dialogo interreligioso cui sembra sempre più chiamato il cristianesimo del terzo millennio.questo originalissimo saggio, carico di erudizione ma sempre avvincente, illumina uno dei periodi più cruciali per la storia delloccidente, non senza sorprendenti analogie con la nostra epoca postmoderna.Luigi Padovese è laureato in teologia e in patrologia, insegna al Pontificio Ateneo Antonianum, ha scritto articoli su riviste specializzate e su quotidiani. Ha pubblicato tra gli altri: Turchia. I luoghi delle origini cristaine (1987), Lo scandalo della croce. La polemica anticristiana nei primi secoli (1988), I sacerdoti dei primi secoli (1992), Introduzione alla teologia patristica (1992).